Come evitare la stitichezza occasionale in viaggio

La stitichezza è una risposta naturale del corpo quando ci si trova di fronte ad un cambiamento. In particolare, durante un viaggio, la stitichezza occasionale rappresenta una condizione frequente a causa dei cambiamenti delle proprie abitudini (ad esempio il jet leg o il cambiamento dell’alimentazione) o il cambiamento sul proprio ciclo del sonno.
Per questi motivi può capitare ad ognuno di noi di soffrire una volta nella vita di stitichezza occasionale dovuta ai viaggi. Per fortuna, questo disturbo è semplice da individuare e ci sono alcune accortezze che puoi fare per prevenirlo, sentirti meglio e goderti la tua vacanza.

Sommario:

Icona dell'orologio

Tempo di lettura: 2 min


In che modo un viaggio può influenzare il nostro organismo?

Viaggio e organismo: qual è la loro relazione? Dal momento in cui soffri di problematiche intestinali legate al viaggio, conoscere le cause è fondamentale per poter agire. Di seguito le cause più frequenti che determinano cambiamenti sul nostro organismo:

Cambiamenti sull’alimentazione

Nuove abitudini alimentari sono la causa principale della stitichezza in viaggio. Dal momento in cui alimentazione e intestino sono legati tra loro, l’introduzione di nuovi cibi potrebbe infastidire quest’ultimo.

Sintomi del jet leg

Il jet leg genera svariati sintomi causati soprattutto dai fusi orari, che possono metterti fuori combattimento per diversi giorni. Questo cambiamento ha un forte impatto sull’organismo, soprattutto perché intestino e cervello potrebbero non essere più in sintonia tra loro.
Altri fattori che possono influenzare la corretta motilità intestinale sono: pasti a orari differenti rispetto alla quotidianità, i nuovi fusi orari e i nuovi cicli del sonno.
Altri sintomi tipici del jet leg comprendono:

  • senso generale di disorientamento e di malessere
  • scarsa lucidità a livello di memoria e prestazioni
  • insonnia
  • mal di testa
  • stitichezza

Cambiamenti sulla routine di evacuazione

Molto spesso, durante un viaggio, potrebbe accadere di non poter usufruire del bagno quando si sente lo stimolo di evacuare (magari a causa di servizi igienici assenti) oppure potresti semplicemente sentirti imbarazzato ad andare in bagno in presenza di altre persone. Non evacuare quando si sente lo stimolo a farlo, può diventare la causa della stitichezza in viaggio.

Alcuni studi hanno dimostrato che i sintomi causati da uno stimolo trattenuto tra le 5 e le 8 ore, possono richiedere dai 2 giorni alle 2 settimane per poter essere superati. I viaggiatori che optano per le lunghe distanze, potrebbero aver bisogno di 8-10 giorni affinché le abitudini intestinali, la regolazione della temperatura corporea e i cicli ormonali tornino in equilibrio.

In che modo un viaggio può essere causa di stitichezza?

I sintomi della stitichezza potrebbero essere un chiaro segnale che al tuo organismo sono venuti a mancare alcuni elementi presenti costantemente nella tua routine, e che sono necessari per farlo funzionare al meglio.

Di seguito ti riportiamo le principali cause di un cambiamento sulla corretta funzione digestiva quando viene influenzata da un viaggio:

Qualche Consiglio per prevenire la stitichezza in viaggio

Ci sono diverse precauzioni che potresti adottare mentre ti prepari per la tua vacanza o per il tuo viaggio d’affari ed arrivare pronto, evitando così di combattere la stitichezza. Pianificare in anticipo e avendo l’accortezza di adottare azioni preventive, eviterà di affrontare i sintomi tipici della stitichezza, che dovranno poi essere trattati con l’utilizzo di lassativi o addirittura di clisteri.

I rimedi contro la stitichezza

In caso di stitichezza occasionale, puoi trovare il giusto rimedio grazie ad alcuni lassativi a base di principi attivi quali il bisacodile o il macrogol.


Rimani informato

I sintomi della stitichezza possono essere estremamente fastidiosi soprattutto se perdurano nel tempo. Poiché sappiamo quanto possano essere frustranti e stressanti questi periodi, possiamo aiutarti a identificare le cause della stitichezza e a prevenirla.